Chiudi il banner
Questo sito utilizza esclusivamente cookie analytics e tecnici.

Ai sensi del provvedimento n. 229 dell'8 maggio 2014 del Garante della Protezione dei Dati Personali per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti (art. 13 del Codice privacy).

Per maggiori informazioni consulta  l'informativa estesa.

Parlare - graficamente - della GDO in Italia

Capire quanto pesa ogni singolo prodotto nel carrello della spesa, dal massimale raggiunto dalla drogheria fino alla carne, la meno rilevante in termini di percentuale nel basket di acquisto. Interrogando l’infografica interattiva di Coop si può. 

Tra le altre informazioni che si possono reperire scopriamo che nel comparto Grocery svetta la vendita di biscotti con oltre un miliardo di vendite durante i primi tre mesi del 2016. Per quanto riguarda l’ortofrutta invece, prodotto di punta risultano le verdure di IV gamma, con 377 milioni di spesa nel medesimo periodo.

Il grafico, diviso in 3 sezioni, riporta dati relativi alla densità della rete distributiva nazionale, impostata sulla base di 1000 abitanti e sui chilometri quadrati. Dati alla mano si evince che l’area più affollata è quella di Olbia-Tempio, con 546,2 mq per mille abitanti e che, contrariamente a quanto ci si possa aspettare, Milano come Roma si attestano con percentuali sotto la media.

Infine la terza mappa messa a disposizione evidenzia il peso dei singoli canali divisi su provincia partendo dal numero totale delle vendite Gdo. In particolare ne traiamo che la tipologia discount ha quote molto alte, che si attestano sopra il 30% al sud, contrariamente al format supermercato che nel resto della penisola è presente in dato medio al 41,8%.